Specializzati in tavole originali e illustrazioni

Urania Casa d’Aste presenta la sua 10ª Asta
dedicata alle Tavole originali e Illustrazioni dei grandi maestri del fumetto
insieme all'Asta speciale dedicata interamente al burattino più famoso del mondo: Pinocchio

ASTA | PINOCCHIO

Sfoglia il catalogo dedicato a Pinocchio e scopri i 130 lotti che verranno battuti il 31 Ottobre a Lucca!

ASTA ONLINE

Partecipa all'asta in diretta tramite la piattaforma online Live Auctioneers.

MODULO OFFERTE

Partecipa all'asta tramite un'offerta scritta o usufruisci del servizio di asta telefonica.

CATALOGO 10ª ASTA

Sfoglia il nostro nuovo catalogo generale e scopri i 319 lotti che verranno battuti il 31 Ottobre a Lucca!

VI ASPETTIAMO!!!

In occasione della sua 10ª vendita all'incanto, Urania Casa d'Aste ha selezionato opere dei più importanti autori internazionali dal 192o ad oggi.
Grandi artisti come Manara, Pazienza, Serpieri, Pratt e Miller saranno i protagonisti di un catalogo generale che vanta 319 lotti di sole opere originali, spaziando dal fumetto d’autore alle strisce sindacate, dalle pagine Disney fino alle illustrazioni di inizio ‘900.
Saranno presenti all'interno di questo catalogo due sezioni dedicate al lungometraggio La Rosa di Bagdad e al 20° anniversario della prima edizione italiana di Harry Potter.
In questa occasione Urania è orgogliosa di presentare un catalogo monografico interamente dedicato al burattino più famoso del mondo: Pinocchio.
Saranno battute esclusivamente opere originali di oltre 40 autori italiani e stranieri, ripercorrendo la grande tradizione iconografica del capolavoro di Collodi.
Parte del catalogo sarà dedicata al Pinocchio di Golpe, nome d'arte del celebre pittore bolognese Wolfango Peretti Poggi, che realizzò tra il 1961 e il 1981 una delle più affascinanti interpretazioni del classico collodiano.
Le opere saranno battute in un'unica tornata d’asta (dalle ore 14,00) a Lucca presso i suggestivi locali della Domus Romana in Via C. Battisti 15.

INFORMAZIONI UTILI

Mercoledì 31 Ottobre ore 14:00
Sede d’asta:
Domus Romana_Via C. Battisti, 15 – Lucca
Esposizione:
Lucca Comics and Games
Padiglione Chiesa dei Servi (Stand CHS 04)
Mercoledì 31, ore 10 – 14

Alla scoperta del ``Pinocchio`` di Golpe

Opere
dal lotto n. 83 al lotto n. 130

Cover web Asta - Golpe

« L’edizione illustrata del Pinocchio nasce non da una richiesta “esterna”, bensì da una libera iniziativa personale. Wolfango Peretti Poggi intendeva infatti celebrare in tal modo gli 80 anni dalla prima pubblicazione del libro, e lo fece scegliendo Golpe quale pseudonimo.
Per illustrare la vicenda dell’immortale burattino il Nostro esegue più di 100 opere, che riflettono ed esprimono al meglio la non comune complessità dell’universo fantastico collodiano. A lavoro sostanzialmente ultimato, Golpe offre l’intero ciclo d’illustrazioni alla Fratelli Fabbri Editori, che gli oppone un deciso rifiuto. Si tratta, a loro avviso, di un corredo iconografico assai poco adatto a un pubblico giovanile/infantile: l’opera grafica di Poggi è difatti un prodotto adulto, raffinato e di rara qualità, che non può trovare posto fra le classiche dispense e antologie di fiabe pubblicate dalla Fratelli Fabbri, attenta principalmente a soddisfare le esigenze di un mercato nazional-popolare di limitate pretese culturali.
Le illustrazioni di Golpe sono state eseguite utilizzando varie tecniche grafiche, dai carboncini adoperati per i capilettera alle figure a tutta pagina (gli “occhielli” o frontespizi) poste in principio a ogni capitolo, alle corpose tempere (numerose quelle a doppia pagina), ai disegni a china, al tratto e a colori, preferiti per le tavole più allusivamente richiamanti costumi e ambientazioni d’epoca. La proposta è così sperimentale e coraggiosa che nell’immediato non riesce a trovare editori interessati all’acquisto. (...)
Furono i professionisti dello Studio D’Ami, a riconoscere per primi la validità di una proposta editoriale che, troppo moderna e audace per l’epoca in cui Golpe l’aveva presentata la prima volta, era ormai matura per essere licenziata alle stampe. (...)
Il lettore è affascinato dallo svariare d’immagini che, tra cruente e fiabesche, tra poetiche e storiche, si susseguono dall’una all’altra pagina del Pinocchio golpiano con effetti spiazzanti, creando una coinvolgente sensazione di full immersion in un inedito universo di forme e colori, di ombre e di luci che non possono non conciliare nel plauso comune alla bravura dell’artista i gusti di lettori e appassionati di arti grafiche. Con abilità sopraffina, Golpe ha saputo piegare la grezza materia bidimensionale fino a conferirgli un carattere di tridimensionalità: è stato capace di farci sentire sulla pagina illustrata i disagi e l’apprensione, la tensione e la drammaticità del singolare “romanzo di formazione” collodiano; ma anche, al contempo, la spensieratezza e la gioia infantile del burattino-bambino. »
(dall'introduzione "Golpe, Lupambolo, Vulpes e molti altri" di Gianni Milone)

20 anni di Harry Potter

Opere
dal lotto n. 369 al lotto n. 388

Io disegno per raccontare con i segni, i simboli e le metafore, e li utilizzo come se fossero parole.
(Serena Riglietti)

 

In occasione del ventesimo anniversario dalla prima pubblicazione italiana di Harry Potter, Urania Casa d’Aste è orgogliosa di presentare, per la prima volta sul mercato, le sette copertine e diverse illustrazioni del fenomeno editoriale più sorprendente del XXI Secolo, la saga culto del maghetto di J. K. Rowling che ha fatto sognare intere generazioni.

 

« Basta, davvero, anche solo una copertina per definire il senso di un operare, quello di Serena Riglietti, che si mostra isolato e perentorio nell’ambito, ora vasto, dell’illustrazione italiana. Se si osserva la tavola con cui è stato presentato al pubblico il volume: Harry Potter e la pietra filosofale, della Rowling, si nota subito come in essa sia sottesa un’evidente dichiarazione di poetica. Serena, infatti, non intende propriamente illustrare, vuole, invece, creare sempre e comunque un’icona. In questo senso non cerca i propri legittimi antenati nella storia dell’illustrazione, ma in quella del cartellonismo.
Così è bene rammemorare i nomi di Gino Boccasile, di Leonetto Cappiello, di Armando Testa, ovvero tre presenze grandissime e tra loro fortissimamente differenziate.
Le icone di Serena hanno carattere riassuntivo e programmatico, ma anche ermeneutico. Infatti interpretano i personaggi e gli accadimenti, devono essere sicure di raccogliere in sé, molto ambiziosamente, tanto il senso quanto il significato dell’opera a cui si riferiscono. (...)
Tutto ha valore, nelle sue tavole-icone, solo se si rende davvero memorabile, solo se assume rilievo di sfida, solo se chiede di essere inequivocabilmente ricordato. (...) Serena possiede un segno calcolatamente esile, volutamente minuto, deliberatamente sussurrato. I suoi delicatissimi contorni sembrano voler creare un ossimoro e determinare un paradosso: intensissima l’icona, carezzevole il segno che nella dimensione ultima la rende davvero visibile.
Alla pura levità del segno, mai casuale, Serena affida il proprio viatico per accedere al fantastico, ma anche per riconoscere il bizzarro. (...)
Con quel suo segno inequivocabile, però sottile come la chiave d’argento di Lovercraft, Serena entra nell’eterna aurora, dove non ci sono grida, ma solo sussurri, perché il sussurro è il modulo espressivo che consente di provocare il riso delle fate.»

(“Una Nursery luminosa” di  Antonio Faeti, introduzione al catalogo della mostra omonima tenutasi presso la Galleria d'Arte Stefano Forni di Bologna nell’aprile 2003)

Alla scoperta de ``La rosa di Bagdad``

Opere
dal lotto n. 152 al lotto n. 182

"La rosa di Bagdad"
di A. G. Domenighini, 1949 (film completo)

"Una rosa di guerra"
di Massimo Becattini, 2009 (documentario completo)

X